forum terzo settore lazio

Formica d’oro 2015: considerazioni sulla consegna dei riconoscimenti

logo

Comunicato stampa

Straordinario successo dell’8° edizione della Formica d’oro l’Oscar del Terzo Settore che quest’anno si è tenuta nella sala Pietro da Cortona  dei Musei Capitolini in piazza del Campidoglio. Alla presenza di circa duecento persone, la consegna ha avuto il suo momento culminante quando la vice Presidente dell’Assemblea Capitolina Gemma Azuni, madrina della giornata, ha consegnato la pergamena con La Formica d’oro per  lapersonalità dell’anno al Dott. Fabrizio Pulvirenti,

Questa la motivazione: “ Medico di Emergency ha contratto il virus Ebola durante il suo volontariato in Africa. Ha partecipato alla definizione della terapia che ha salvato lui ed offerto un nuovo farmaco all’umanità. Grazie!”.

Standing ovation e prolungato applauso hanno accompagnato la consegna. “Ho avuto paura, ma tornerò presto in Africa” -ha detto il medico, innamorato del suo lavoro- lì c’è ancora molto da fare.”

Nelle due ore precedenti dei 26 riconoscimenti  dati, oltre quello destinato alla Personalità, due sono andatiai Media, uno alla Banca del Tempo di Grottaferrata per gli Enti Locali, uno per la Ricerca sociale alla dottoressa Irina Krutova per una tesi sui nidi del XIII municipio e gli altri ad associazioni, Volontariato, Cooperative sociali che si sono distinti per l’innovazione sociale e per il contributo dato allo sviluppo locale mentre solo 8 sono andati alle pur necessarie ma tradizionali  attività assistenziali e di welfare. Grande attenzione è andata al tema dell’alimentazione legato ad EXPO 2015 con ben cinque progetti premiati sia a Roma che nelle province nella filiera dall’agricoltura sociale al consumo critico.

Roma ha fatto la parte del leone con 16 riconoscimenti, mentre uno è andato in provincia di Latina alla coop sociale che ha dato vita al Birrificio artigianale etico di Bassiano, uno in provincia di Viterbo per l’assistenza scolastica ai bambini immigrati, 4 sono andati in provincia di Frosinone per la promozione dello sport,  per la creazione di una sartoria sociale, per l’assistenza ai malati di demenze senili, per la creazione di una Rete di Economia Solidale che si applica  nell’agricoltura “eroica”. Anche il provincia di Roma sono andati tre premi per la Banca del tempo,  per l’inclusione sociale di soggetti svantaggiati e per un progetto di Orti urbani.

Dei premiati di Roma segnaliamo il premio ad Equoevento per la raccolta degli avanzi alimentari dei catering e la destinazione a comunità o mense sociali. Il riconoscimento alla coop. sociale Pantacoop che integra nel lavoro detenuti e produce a Rebibbia maschile il Caffè Il galeotto e poi un riconoscimento a chi educa in forma innovativa attraverso l’uso della cultura.

Da segnalare il premio riconosciuto alla Associazione delle nonne e dei nonni che chiedono il diritto di vedere anche loro i nipoti in caso di separazione dei genitori; hanno fatto ricorso a Strasburgo  che ha dato loro ragione. E poi premiati i progetti di grandi reti nazionali come le ACLI, l’AUSER, CSEN, AICS .

L’elenco completo del 2015 sul sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UNIAT APS  CASA, AMBIENTE, TERRITORIO